La Gastronomia

7 Novembre 2021

POMODORO D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta)

Zona di produzione – Pomodoro S. Marzano dell’Agro Sarnese-Nocerino Dop – Pomodoro S. Marzano dell’Agro Sarnese-Nocerino Dop: Quantità prodotte – “Il pomodoro D.O.P.: l’oro rosso alla conquista del globo” – Marchi di tutela – Le procedure e i controlli

protetta

7 November 2021

Zona di produzione

Il pomodoro S. Marzano si coltiva soprattutto nell’Agro Sarnese Nocerino, una vasta pianura situata in provincia di Salerno e nell’Acerrano-Nolano, situato in provincia di Napoli.
E’ compreso anche il territorio dei comuni di Montoro Inferiore e Montoro Superiore, in Provincia di Avellino.

Pomodoro S. Marzano dell’Agro Sarnese-Nocerino Dop

  • • Tipologia: Ortaggio
  • • Descrizione: Il Pomodoro San Marzano ha una forma allungata e parallelepipeda, lunga da 60 a 80 millimetri; è acquoso e quasi privo di semi, ha una buccia liscia e facilmente staccabile
  • • Caratteristiche: Il Pomodoro San Marzano ha un sapore e un profumo inconfondibili
  • • Zona di produzione: La zona di produzione si estende a quarantuno comuni delle province di Napoli, Salerno e Avellino
  • • Presenza sul mercato: Tutto l’anno
  • • Riferimenti normativi: Registrazione europea con regolamento CE n. 1263/96 pubblicato sulla GUCE L163/96 del 2 luglio 1996

Pomodoro S. Marzano dell’Agro Sarnese-Nocerino Dop: Quantità prodotte

  • • 2000: 2330 (tonn) – dati organismo di controllo
  • • 2001: 3000 (tonn) – dati Consorzio di tutela
  • • 2002: 1296943 (kg) – dati Consorzio di tutela

Fonte: Consorzio DOP San Marzano

Convegno

“Il pomodoro D.O.P.: l’oro rosso alla conquista del globo”

Venerdì 19 novembre 2004 si è tenuto, presso il ristorante “Malaga” a San Marzano sul Sarno, il Convegno “Il Pomodoro D.O.P.: l’oro rosso alla conquista del globo”.
Tale convegno è stato promosso dall’amministrazione comunale di San Marzano ed è stato volto a valorizzare il pomodoro, prodotto tipico del territorio, conosciuto e apprezzato quale alimento fondamentale della dieta mediterranea.

Il programma portante del convegno è stato così strutturato:

  • • Relazione introduttiva:

Notizie-storico-descrittive relative al pomodoro San Marzano
dott. Franco Grimaldi, sindaco di San Marzano sul Sarno 

  • • Intervento dell’Assessore all’Agricoltura del comune di San Marzano sul Sarno

sig. Pasquale Farina

  • • Interventi dei relatori
  • • Caratteristiche scientifiche e proprietà organolettico-nutritive del “San Marzano”

dott.ssa Patrizia Salomone, dottorata in biotecnologie alimentari, specialista in scienze dell’alimentazione

  • • Produzione e trasformazione del pomodoro San Marzano

rag. Gaetano Oliva, imprenditore responsabile della SICA s.r.l.

  • • Marketing e promozione del pomodoro San Marzano

dott. Francesco Senesi, consigliere d’amministrazione della Lodato s.p.a./Conserve Annalisa

  • • Percorso evolutivo della certificazione del pomodoro San Marzano DOP

dott. Nicola Anacleria, direttore del Consorzio tutela San Marzano DOP Castel San Giorgio

  • • Relazione conclusiva: Opportunità di sviluppo per il territorio di pertinenza del San Marzano DOP

sen. Michele Pinto , già Ministro delle politiche agricole

Marchi di tutela

Proviamo ad addentrarci nell’universo dei marchi di tutela previsti dall’Unione Europea e a capirne il significato.

Questi i marchi predisposti per il settore agro-alimentare:

  • • Marchio DOP – Denominazione di Origine Protetta (Reg. CE 2081/92)

Definisce un prodotto originario di una certa regione o paese, le cui caratteristiche sono essenzialmente o esclusivamente dipendenti dall’origine geografica (intesa come un insieme di fattori naturali e umani).
Inoltre, tutte le fasi della produzione devono avvenire nella zona determinata.

  • • Marchio IGP – Indicazione Geografica Protetta (Reg. CE 2081/92)

Definisce un prodotto originario della regione o paese le cui caratteristiche possano essere ricondotte all’origine geografica. Almeno una fase della produzione deve avvenire nella zona individuata.

  • • Marchio STG – Specialità Tradizionale Garantita (Reg. CE 2082/92)

Definisce un prodotto le cui materie prime, la composizione o ricetta, il metodo di produzione o la trasformazione sono di tipo tradizionale.


Le procedure e i controlli

Affinchè un prodotto tipico possa ottenere uno dei marchi di tutela, è necessario che i produttori presentino apposita domanda all’Unione Europea.
Attraverso un’attenta istruttoria, si verifica che il prodotto possegga i requisiti previsti dalla legge e soprattutto che la tecnica di produzione risponda alle regole del Disciplinare di Produzione.
Solo ove l’esito di queste indagini fosse positivo, il prodotto potrà ottenere e fregiarsi di uno dei suddetti riconoscimenti. Una volta superata questa fase, la corrispondenza del prodotto tipico alle norme del Disciplinare è costantemente garantita da appositi organismi di controllo imparziali ed indipendenti.

POMODORO D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta)

Ultimi articoli

Polizia Locale 1 Luglio 2022

Procedimento per il rilascio del ‘PERMESSO ROSA’

Procedimento per il rilascio del ‘PERMESSO ROSA’ ll Comando di Polizia Municipale rilascia a norma dell’Art.

News 24 Giugno 2022

AVVISO AGGIUDICAZIONE EFFICACE GARA CIG: 8943164466

Procedura aperta ai sensi dell’art. 60 del Dlgs n.

News 8 Giugno 2022

Avviso Pubblico Convocazione Consiglio Comunale in sessione ordinaria

Il Consiglio comunale del Comune di San Marzano sul Sarno è convocato in sessione ordinaria ed in seduta pubblica di prima convocazione per il giorno 15 giugno 2022, alle ore 16:30, ed in seduta pubblica di seconda convocazione per il giorno 17 giugno 2022, alle ore 20:30, presso la sala delle adunanze consiliari ubicata al piano secondo della Sede comunale di piazza Umberto I n.

Utilità

torna all'inizio del contenuto